Review di FTX, l’exchange alternativa a Binance

Review di FTX, l’exchange alternativa a Binance

Questa è una review di FTX, l’exchange emerso recentemente come alternativa a Binance, da quando questo non offre più il bonifico, e in generale come uno dei più interessanti exchange centralizzati sul mercato. FTX, infatti, offre molte caratteristiche che sono positive per un utente: commissioni molto basse, una vasta scelta di token pairs e un nome di ottima affidabilità. Vediamo quindi questa review di FTX.

*Questo articolo contiene link affiliati*

Review di FTX. Cos’è?

Partiamo dalle basi. FTX è un exchange centralizzato, ovvero un sito che permette lo scambio (compravendita) di token. In breve tempo, è passato da essere quasi dimenticato (almeno qui in Europa, dove non aveva grande seguito) ad essere tra i più rilevanti. Anche i volumi sono molto interessanti, come mostra Coinmarketcap.

cos'è ftx exchange
Fonte: Coinmarketcap

Il numero di coin offerte è inferiore a Binance, ma superiore ad esempio a Coinbase Pro.

Circa una settimana fa, come riportato tra gli altri da CNBC, FTX è stato valutato la bellezza di 32 miliardi di dollari. FTX non è quotata in borsa, quindi la sua valutazione dipende unicamente da capitali privati. Sommando un’altra decina di miliardi di FTX, la capitalizzazione totale è molto prossima a quella di Coinbase in questo momento.

Ma perché questa esplosione di FTX?

A mio parere, ha molto a che vedere con i limiti incontrati da Binance. Da quando è stata obbligata al KYC, e da quando sono stati sospesi i bonifici come metodo di deposito e prelievo, molti utenti si sono messi a caccia di un exchange alternativo. Se Coinbase ha commissioni troppo elevate, Kucoin ha un’interfaccia poco credibile e via discorrendo -insomma, in molti nel vecchio continente si sono affidati a FTX. In passato, avevo detto che Binance è il miglior exchange; ma oggi non ne sono più sicuro, e FTX sicuramente lo insidia.

E se storicamente FTX era conosciuto soprattutto per la sua offerta di futures e altri contratti derivati, è ormai accettato anche come mercato spot tradizionale. E accetta i bonifici.

Cos’è FTT, il token di FTX.

FTT, come ormai qualunque altro exchange centralizzato, offre il suo token agli utenti; una review di FTX sarebbe incompleta senza almeno un accenno a FTT.

Il suo uso è piuttosto limitato: offre sconti sulle commissioni di transazione (ne parliamo sotto), e occasionalmente altri airdrop periodici (in questo momento di SRM). Non ha, però, la complessità e utilità di BNB, che è la benzina della Binance Smart Chain.

Review di FTX: commissioni basse

Abbiamo iniziato questa review di FTX parlando delle ragioni per cui FTX è affidabile. È bene tenere a mente che nel mondo crypto di sicuro non c’è niente, e che un exchange centralizzato è sempre e comunque un rischio in quanto le chiavi private non sono in mano a noi. (E di conseguenza è sempre bene utilizzarli unicamente come passaggio, per poi ritirare i token e depositarli su un wallet di cui si sia in possesso delle chiavi private, come ad esempio un hardware wallet).

Ad ogni modo, una delle ragioni fondamentali per cui può valere la pena utilizzare FTX sono le commissioni di transazione, estremamente basse e molto competitive sul mercato. Eccole:

ftx commissioni fees
Fonte (sempre aggiornata): FTX

Le fee da maker sono bassissime. Consideriamo la prima linea (se effettuate più di 2 milioni di transazioni in un mese, complimenti!). Le commissioni da maker sono lo 0.02%, da taker lo 0.07%. Ciò significa che se accettiamo un ordine esistente da €100 paghiamo €0.07 in commissioni; se ne creiamo uno da €100, paghiamo €0.02 quando viene accettato.

Personalmente, non sono a conoscenza di altri exchange che offrano commissioni così basse.

Ovviamente, è importante considerare anche la liquidità, perché un bid-ask spread elevato renderebbe poco conveniente anche un’exchange con fee nulle, ma FTX non sembra avere questo problema.

Sono disponibili inoltre sconti per chi si iscrive con referral link (5%), e per chi metta in staking FTT, il token dell’exchange (dal 3% fino al 60%, anche se è improbabile che si arrivi più in là del 3% per un utente normale). Personalmente, non metto in staking FTT: il risparmio è piccolo e non vale la pena.

Commissioni di ritiro di FTX

I depositi sono sempre gratuiti.

I ritiri in crypto, come qualunque altro exchange, sono sottoposti a commissioni variabili a seconda del network; è sempre conveniente ritirare token molto economici (XRP, LTC, XLM sono alcuni di quelli che guardo più spesso, quando voglio muovere fondi tra exchange).

Per quanto riguarda i ritiri di euro, sono sempre gratuiti sopra i $5.000. Sotto i $5.000, ce n’è uno gratuito a settimana. (Qui, comunque, ci sono le informazioni eventualmente aggiornate).

Registrazione a FTX (referral link con sconto!)

Procediamo in questa review di FTX. Se volete registrarvi, il modo migliore è farlo con un referral link. In questo modo, otterrete un kickback (sconto) aggiuntivo del 5% su tutte le commissioni. Full disclosure: chi vi invita, in questo caso io, riceve il 25% delle commissioni da voi pagate.

Link di iscrizione a FTX

La registrazione a FTX è molto semplice. Riceveremo immediatamente conferma che stiamo correttamente utilizzando un referral, con l’indicazione del 5% off fees, 5% di sconto sulle commissioni.

review di ftx

A questo punto inseriamo mail e password e proseguiamo. Nella schermata successiva, veniamo immediatamente indirizzati all’inserimento dei nostri dati. Possiamo farlo in un secondo momento, ma è bene farlo subito. Non potremo infatti utilizzare FTX (né nessun altro exchange) fino al completamento del KYC.

Per il resto, FTT è un exchange estremamente simile a qualunque altro. Possiamo selezionare Markets nel menu in alto, e arriveremo qui.

review di ftx

Importante: vogliamo selezionare Spot, e non altre voci. Infatti, molte di queste voci si riferiscono a derivati di vario genere. Se non siete estremamente esperti nel mondo della finanza, state alla larga da derivati di qualunque genere: il rischio è estremamente elevato, e non vale onestamente la pena.

Per il resto, se conoscete Binance non c’è realmente nessun problema nell’utilizzo della piattaforma.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *