Qual è il miglior hosting economico?

La ricerca di un piano del miglior hosting adatto alle necessità del proprio (o dei propri) siti è un’operazione complessa, e ciascuno ha delle esigenze uniche. In molti, però, mi chiedono quale sia il miglior hosting economico. Personalmente, utilizzo da tempo Hostinger, e mi sento di raccomandarlo a chiunque voglia assicurarsi un prezzo molto accessibile e buone caratteristiche tecniche. Il prezzo di Hostinger è infatti tra i più bassi sul mercato. In questo articolo, voglio spiegare le caratteristiche fondamentali di un hosting, e ciò che nella mia opinione rende Hostinger un’alternativa di ottimo livello. Se sei interessato a registrare un account, puoi cliccare il mio referral link. Oltre ad aiutare questo blog, cliccare il link non ti farà pagare di più, e anzi permette in alcuni casi di visualizzare delle offerte non accessibili a chi si registra senza un referral link. Andiamo ora al sodo.
*Questo articolo contiene link affiliati*

Caratteristiche fondamentali di un hosting.

Ci sono tantissimi servizi di hosting, con prezzi e servizi estremamente differenti. Non tutti gli hosting, però, sono uguali: ci son diverse variabili da tenere in considerazione. Qui ne elenco alcune.

Uptime. Voto: 8/10

Sicuramente una delle caratteristiche più importanti. Misura la percentuale del tempo per cui un hosting -e di conseguenza tutti i siti contenuti- è online. Idealmente, un buon servizio di hosting deve rimanere online quasi il 100% del tempo -in molti, anche molto convenienti, assicurano un uptime superiore al 99.9% del tempo. Hostinger non è il servizio con l’uptime migliore sul mercato, ma si difende con numeri molto prossimi al 100% nella gran parte dei mesi. Puoi verificare l’uptime medio di Hostinger qui: http://stats.pingdom.com/zp1kq4gopbjs/3596737/history.

Tempo di caricamento. Voto: 9.5/10

A mio parere, ancora più critico dell’uptime. Come discusso in questo articolo https://neilpatel.com/blog/loading-time/ , ogni secondo aggiuntivo di caricamento significa 7% di conversioni in meno. Ad esempio, se hai un sito che fattura 100.000 euro all’anno e passi da 2 a 4 secondi di caricamento, stai perdendo più di 15.000 euro. Hostinger si difende molto bene in quanto a caricamento: http://stats.pingdom.com/zp1kq4gopbjs/3596737/history.

Semplicità. Voto: 9/10

Non tutti siamo web developer, ed è molto importante che un hosting permetta di imparare rapidamente a muoversi senza dover studiare. Hostinger fa un ottimo lavoro:

  • File Manager. Hostinger contiene un file manager integrato, che permette di modificare i file in maniera molto semplice, senza dover sbattere la testa con FTP e altri mezzi alternativi decisamente meno intuitivi
  • One stop. E’ infatti possibile acquistare sul sito domini, certificati SSL e tutto ciò che fosse necessario in generale, senza dovere impazzire utilizzando siti diversi
  • Supporto di ottimo livello. Una semplice ricerca su google permette di trovare risposte scritte dal team di Hostinger, in modo chiaro e semplice. Tutte le volte che ho dovuto contattare la chat per qualcosa di più complesso, sono stati rapidi ed efficienti.

Prezzo. Voto: 10/10

La domanda è frequente: vorrei creare un sito spendendo il meno possibile. Zero sarebbe ideale. Zero è purtroppo impossibile, a meno di accettare limitazioni enormi di funzionalità, link lunghissimi, pagine piene di riferimenti all’host (qualcuno ricorda altervista?). Però, Hostinger ci si avvicina molto. E’ senza dubbio il più conveniente dei servizi di hosting che io abbia incontrato.

Possibilità di upgrade. Voto: 9.5/10

Altrettanto frequente: capita spesso che si inizi in modo economico, per poi volere crescere, creare altri siti, ottenere servizi premium. E’ importante considerare nella scelta la facilità di migliorare le caratteristiche del servizio. Hostinger offre piani molto economici (come “single”, che per circa 8 euro all’anno offre un singolo sito), fino ad arrivare a hosting con cloud e VPS, più cari e dedicati a siti molto più pesanti e con necessità particolari.

I piani: perchè considero Hostinger il miglior hosting economico

Quando si approccia qualunque sito di hosting, la quantità di piani può rendere molto difficile capire cosa sia necessario. Cercherò quindi di consigliare l’utente medio, ovvero chi ha bisogno di qualcosa di semplice, economico, con prestazioni accettabili. A seconda del profilo, uno dei tre piani “shared hosting” (hosting condiviso) possono essere la risposta.

Single

miglior hosting economico

Il piano singolo è adatto a coloro che hanno necessità basilari: per circa 8 euro all’anno, include un hosting con la possibilità di avere un solo sito. Il dominio non è incluso, e avrà un costo aggiuntivo di 5-20 euro a seconda dell’estensione desiderata.

Premium (raccomandato)

Il piano Premium costa circa 25 euro per il primo anno, include un dominio gratuito (per un valore di 5-20 euro) e la possibilità di avere fino a 100 siti sull’account. E’ molto frequente che una persona inizi con un blog e poi decida di volerne un secondo, oppure di aiutare un amico e hostare il suo sito. Insomma, la prima opzione, quella “Single”, diventa restrittiva molto rapidamente. Personalmente, mi sento di consigliare di investire qualche euro in più e assicurarsi un account con molta più libertà di movimento, come appunto il piano Premium: per me il miglior hosting economico sul mercato.

Business

La differenza tra l’account business e il premium, che costa circa 13 euro in più all’anno, è l’offerta di un certificato SSL e la velocità maggiore leggermente superiore. Personalmente, non trovo che questi miglioramenti giustifichino la spesa maggiore (capiamoci, comunque estremamente conveniente nel panorama degli hosting, ma non ne vale la pena dato il piano Premium). Il certificato SSL si può comprare a poco, la differenza di velocità non è incredibile, e i backup giornalieri si possono evitare (o facilmente programmare con un plugin in WordPress).

Conclusione: qual è il miglior hosting economico per me?

Abbiamo discusso dei punti cruciali da ricercare in un hosting, ovvero uptime, velocità e rapporto utilità/prezzo. La mia opinione è che Hostinger è la soluzione migliore per l’hosting economico di blog e siti di dimensioni piccole e medie, e in particolare il suo piano Premium offre tutto ciò che può essere necessario al webmaster medio per creare e sviluppare il suo sito, blog o ecommerce che sia. Qui trovi il link per la creazione di un account e la selezione del piano più adatto a te. Se hai domande, sentiti libero di contattarmi nei commenti! Se invece vuoi ora procedere a comprare un dominio, ecco questo articolo in cui spiego come farlo.

Share

One thought on “Qual è il miglior hosting economico?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *